I lavori del sinodo. Unici, solidali e creativi


Martedì, 9 Ottobre 2018: I lavori del sinodo. Unici, solidali e creativi.

«Noi per. Unici, solidali, creativi»: è lo slogan dell’incontro dei giovani con il Papa e i padri sinodali della quindicesima assemblea generale ordinaria, che si svolge nel pomeriggio del 6 ottobre nell’aula Paolo VI. Promosso dalla Segreteria generale del sinodo e dalla Congregazione per l’educazione cattolica, l’avvenimento che coinvolge migliaia di ragazze e ragazzi, è stato presentato poche ore prima dal cardinale Giuseppe Versaldi, prefetto della Congregazione organizzatrice, durante il briefing giornaliero nella Sala stampa della Santa Sede sull’andamento dei lavori sinodali. Nel programma della festa sono previsti testimonianze, brani musicali, coreografie inerenti tre temi cari alle nuove generazioni: la ricerca di identità, le relazioni e la vita come servizio e donazione. Del resto, ha spiegato il porporato, l’esperienza sinodale aiuta a camminare insieme come Chiesa: «sperimentiamo davvero l’universalità e questo ci aiuta anche a capire le differenze».

All’incontro con i giornalisti accreditati, alla presenza del prefetto del Dicastero per la comunicazione Paolo Ruffini e del direttore della Sala stampa Greg Burke, sono intervenuti anche il cardinale centrafricano Dieudonné Nzapalainga, e l’uditore Mariano Germán García. Per l’arcivescovo di Bangui è fondamentale l’ascolto della Parola di Dio per trovare una strada per questa nuova gioventù. Mentre l’operatore della pastorale giovanile in Argentina ha parlato a nome dei coetanei presenti a Roma in questi giorni: «Noi giovani — ha detto — ci sentiamo la primavera della Chiesa! Questo sinodo è un albero che sta per fiorire, una grande opportunità. È stupendo vedere quanto il Papa creda nei sogni dei giovani».

Intanto è stato reso noto che ai lavori sono intervenuti finora: 66 padri sinodali, 9 tra uditrici e uditori, e l’invitato speciale. Sono stati registrati inoltre 24 interventi liberi, tra i quali quello di Papa Francesco nel pomeriggio di giovedì 4 alla terza congregazione generale.
In precedenza, nel pomeriggio di venerdì 5 e nella mattina di sabato 6, si erano svolte la prima e la seconda sessione dei circoli minori, con l’elezione dei relatori e dei moderatori per gruppi linguistici.

In margine ai lavori sinodali, tra i tanti fuori programma, venerdì mattina durante la pausa dei lavori della quarta congregazione, il vescovo Emmanuel Gobilliard, ausiliare di Lione, ha chiesto a Papa Francesco di inviare un messaggio «di conforto e di speranza» ai giovani della sua arcidiocesi, attraverso una breve intervista registrata sul cellulare. E proprio sulla speranza il Pontefice ha centrato la sua risposta: «Voi siete i protagonisti della speranza. Il futuro e il presente sono nelle vostre mani».

Ai giovani di Lione — e attraverso di loro anche a quelli di tutto il mondo — il Papa non ha fatto mancare una «parola di conforto: non abbiate paura, prendete in mano le responsabilità, siate coraggiosi, portate avanti i vostri sogni». E ha dato loro anche un prezioso «consiglio che — ha assicurato — vi aiuterà tanto: parlate con i vecchi, perché loro sono le radici e voi dovete prendere da loro quella vita vissuta che non c’è più, ma che sono le radici di un popolo. E voi dovete portarla avanti per farla fiorire e dare frutto. Non dimenticate che “quello che l’albero ha di fiorito viene da quello che è sotterrato”».

Dunque, è il suggerimento di Francesco ai giovani, «andate avanti, senza paura,
con coraggio». Sempre «in dialogo, ma con l’appartenenza alla storia del vostro popolo. La storia del vostro popolo sono le radici e tutto lo sviluppo del popolo, ma il vostro popolo ha bisogno di andare avanti, e questo è nelle vostre mani. Questa è la vostra speranza, questo è il vostro conforto e questa è la vostra sfida. Coraggio! Avanti!».

Il vescovo Gobilliard ha concluso il breve colloquio, una vera e propria video intervista “artigianale”, ricordando ai giovani con Francesco l’appuntamento per la giornata mondiale della gioventù che si svolgerà a Panamá dal 22 al 27 gennaio 2019.

L’Osservatore Romano: https://ilsismografo.blogspot.com/2018/10/vaticano-i-lavori-del-sinodo.html

Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.